Crea sito
 
May 26 2015

LA CAMPANA DEI CADUTI

$_57 (10)

 

$(KGrHqFHJFYE88fNK5M3BPceWq0BRw--60_57

May 26 2015

24 Maggio 1915-2015

 

I CAMPANARI RINGRAZIANO PER GLI INNUMEREVOLI ATTESTATI DI STIMA  RICEVUTI IN OCCASIONE DEL RICORDO DEI CADUTI DELLA GRANDE GUERRA.

491488513_o

May 24 2015

I rintocchi della memoria

 

24 Maggio 2015, ore 15, prima con la campana a distesa, poi con i rintocchi manuali sono stati ricordati i 149 caduti del Comune di Barga nella Grande Guerra.

Un breve video è visibile sulla pagina facebook dei Campanari di Barga

SAM_3731

SAM_3732

SAM_3733

SAM_3735

SAM_3736

May 24 2015

Domenica 24 maggio

SAM_3700

SAM_3701

SAM_3702

SAM_3703

SAM_3704

SAM_3705

SAM_3707

SAM_3708

SAM_3709

SAM_3710

SAM_3711

SAM_3712

SAM_3713

SAM_3714

SAM_3715

SAM_3716

SAM_3717

SAM_3718

SAM_3719

SAM_3720

SAM_3721

SAM_3722

SAM_3724

SAM_3725

SAM_3726

SAM_3727

May 24 2015

24 Maggio 1915-2015

c2

 

Oggi 24 Maggio, l’Italia ricorda la data che 100 anni fa segnò l’ingresso della nostra nazione nella Prima guerra mondiale e che costò il sacrificio di tante giovani vite.

In loro memoria in tutto il Paese alle ore 15 sarà osservato  un minuto di raccoglimento.

A Barga, a tale ora, dopo i consueto suono dei quarti dell’orologio del Duomo, le ore verranno sostituite da 149 rintocchi in ricordo dei caduti del nostro Comune.

 Sono infatti 149 i nomi riportati nella lapide commemorativa che si trova presso il cimitero di Barga.

 

cimitero di barga-1

May 23 2015

Grande Remo

 

Anche se le immagini si riferiscono allo scorso 14 maggio, pubblichiamo volentieri queste immagini di una bella serata organizzata in S. Pietro in Campo dal locale circolo.

Poteva mancare ……_001

 

_050

 

_035http://www.rcbarga.it/ComuneNews/2015/spc%20-%2014%20maggio%202015/spc%20-%2014%20maggio%202015.htm

 

 

May 23 2015

Comunicato

Immagine (378)

May 22 2015

La campana del Mezzogiorno

La campana del mezzogiorno – Una campana dai tanti significati

 

 

Con il suono della campana le nostre comunità  scandivano i ritmi della vita quotidiana,

dai rintocchi dell’alba alla nascita del sole (mattutino), a quelli del mezzogiorno (per segnalare la sospensione dei lavori agricoli per mangiare), per concludere col vespro all’imbrunire.

Quello del suono della campana era  un richiamo collettivo,  un simbolo di appartenenza.

Pochi, però, si sono  addentrati alla scoperta dei suoni delle campane, sul loro significato, sulla loro storia e di molti di questi se ne è persa la memoria.

La vita di ogni comunità iniziava col  suono dell’Ave Maria al mattino.

A mezzogiorno si suonava  l’ “Angelus” .

La sua origine è di ispirazione  francescana, San Bonaventura da Bagnoregio, Ministro Generale dell’ordine Francescano, in occasione del Capitolo Generale a Pisa nel 1263  prescrisse ai religiosi di salutare la Madonna ogni sera con il suono della campana e la recita di qualche Ave Maria, ricordando il mistero dell’Incarnazione del Signore.
“I fratelli devono insegnare ai fedeli a salutare tre volte la Vergine Maria, la sera, quando nel monastero è l’ora di andare a Compieta”.

Era opinione largamente diffusa nel Medioevo che la sera “l’Angelo del Signore aveva portato l’annuncio a Maria”.

Essi devono quindi farlo con le stesse parole con le quali l’Angelo Gabriele salutò Maria:

V/. Angelus Domini nuntiavit Mariæ,
R/. Et concepit de Spiritu Sancto.

Ave Maria, gratia plena, Dominus tecum.

Benedicta tu in mulieribus, et benedictus fructus ventris tui, Jesus.
Sancta Maria, Mater Dei, ora pro nobis peccatoribus,

nunc et in hora mortis nostræ. Amen.

V/. “Ecce Ancilla Domini.”
R/. “Fiat mihi secundum Verbum tuum.”

Ave Maria, gratia plena…

V/. Et Verbum caro factum est.
R/. Et habitavit in nobis.

Ave Maria, gratia plena…

V/. Ora pro nobis, Sancta Dei Genitrix.
R/. Ut digni efficiamur promissionibus Christi.

Oremus:

Gratiam tuam quæsumus, Domine, mentibus nostris infunde; ut qui, angelo nuntiante,

Christi Filii tui Incarnationem cognovimus, per passionem eius et crucem,

ad resurrectionis gloriam perducamur.
Per eundem Christum Dominum nostrum. Amen.

3 Gloria Patri

Gloria Patri
et Filio et Spiritui Sancto,
sicut erat in principio,
et nunc et semper et in saecula saeculorum.
Amen.

Requiem aeternam

Requiem aeternam dona eis, Domine,
et lux perpetua luceat eis.
Requiescant in pace.
Amen.

 

All’inizio del XIV° secolo, suonare l’Angelus era già una pratica usuale nelle diverse regioni d’Europa.

Lo stesso suono di campane dell’Angelus suonate la sera, oltre alla pratica religiosa ordinata, serviva pure per ragioni pratiche: era segno della “estinzione del fuoco” o “coprifuoco”, e della chiusura delle porte della città.

Nel 1318 Papa Giovanni XXII° (1245-1334) diede ordine che ai tre rintocchi quotidiani della sera, Maria la Madre di Dio fosse salutata con tre “Ave Maria” in ginocchio e accordò a tale preghiera una indulgenza.

Nel 1456, Papa Callisto III° (1378-1458) comandò di suonare la campana quotidianamente, (a mezzogiorno) tra Nona e Vespri e di recitare un Padre Nostro e tre “Ave Maria” per la salvezza della cristianità.

In quell’anno si verificò  l’assedio di Belgrado da parte del Sultano Mehmed II°, Papa Callisto III°, ordinò una campana  di mezzogiorno per chiamare i fedeli a raccolta e per pregare  per i difensori della  città, guidati dall’ungherese Jànos Hunyadi  e dall’abruzzese Giovanni da Capestrano.

Tuttavia, in molte località l’ordine di suonare la campana arrivò dopo la notizia della vittoria e la campana di mezzogiorno si tramutò in una commemorazione della vittoria.

Il  Papa non ritirò l’ordine e ancora oggi le chiese cattoliche suonano la campana di mezzogiorno a ricordo di questo evento.

Nel 1518, Papa Leone X° (1475 – 1521) stabilì la preghiera dell’Angelus a mezzogiorno.

Il Pontefice Clemente XII° (1652 – 1740) oltre a confermare l’indulgenza per l’Angelus, concesse nel 1736 l’indulgenza di 100 giorni a tutti coloro che all’ora di notte avessero recitato “in ginocchioni” al suono d’una campana il De profundis o un Pater, Ave, Requiem.

Papa Pio VII° (1742 – 1823), oltre quelle indulgenze, concesse a quanti vi avrebbero aggiunto alla preghiera tre Gloria  in onore della Santissima Trinità, altri 100 giorni.

Il Pontefice Benedetto XIII° (1649 -1730), domenicano, concesse l’indulgenza di 100 giorni e la plenaria una volta al mese alla recita della preghiera dell’Angelus Domini.

Nel 1742 Papa Benedetto XIV° (1675 -1758) stabilì che la domenica l’Angelus sarebbe recitato in piedi e che nel Tempo pasquale sarebbe sostituito dall’antifona “Regina caeli”.

Il 3 aprile 1884 Papa Leone XIII° (1810 – 1903) con Decreto “Urbis et Orbis”, confermando le medesime indulgenze (sia per l’Angelus che per la recita del De Profundis), benignamente tolse la condizione che la preghiera fosse recitata in ginocchio qualora si era impediti di farlo, e per coloro che non la sapevano concesse di sostituirla con la recita di Cinque Ave Maria.

(fonti internet)

May 21 2015

Le campane di S. Bernardino

sanbernardino

 

CAMPANA PICCOLA

 SAMSUNG CAMERA PICTURES

ANNO DI FUSIONE – 1925

FONDITORE – FONDERIA LERA DI LAMMARI

DIAMETRO –  46 cm.

ALTEZZA – 56 cm.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

ISCRIZIONI –  CADDERO NELLA GRANDE GUERRA; CASCI UMBERTO, DELLA MAGGIORE …, GONNELLA GIUSEPPE, LUTI BENEDETTO, MARCHETTI …., MORI EDOARDO, MORI DANTE, NUTINI GIUSEPPE, PICCOSI RAFFAELLO, PIERONI BENVENUTO, TOLARI LUIGI, TURICCHI ANTONIO – PREMIATA FONDERIA L. LERA S. LUCCA LAMMARI 1925 – AVE MARIA PACE – NEL X ANNIVERSARIO DELLA NOSTRA ENTRATA IN GUERRA ESSENDO CAPPELLANO DON LEONELLO CHIAPPA

 

CAMPANA GROSSA

 

SAMSUNG CAMERA PICTURES

ANNO DI FUSIONE – 1925

FONDITORE – FONDERIA LERA  DI LAMMARI

DIAMETRO – 53 cm.

ALTEZZA – 62 cm.

ISCRIZIONI –  S. BERNARDINO MANIFESTAVI NOMEN TUUM OMNIBUS – PREM. FONDERIA L. LERA S. LUCCA LAMMARI 1925 –  NEL X ANNIVERSARIO DELLA NOSTRA ENTRATA IN GUERRA ESSENDO CAPPELLANO DON LEONELLO CHIAPPA

May 20 2015

Le campane di S. Francesco

San_Francesco1

CAMPANA PICCOLA

SAMSUNG CAMERA PICTURES

ANNO DI FUSIONE – 1928

FONDITORE – FONDERIA L. LERA DI LAMMARI

DIAMETRO – 48 cm.

ALTEZZA – 55 cm.

ISCRIZIONI – X MARZO MCMXXVIII, ANNO VI DELL’ERA FASCISTA QUESTA CAMPANA FUSA PER VOLONTA’  E MERITO DEL POPOLO DI BARGA  A RICORDO DEL VII CENTENARIO FRANCESCANO – CAV. ENRICO CORRIERI, SIG. EMILIO NARDINI , DOTT. MARIO CAPRONI , SIG. UMBERTO RIGALI , SIG. UMBERTO ADELE ALEANDRO PIERACCINI , SIG. PIETRO NARDINI , SIG. TURICCHI ALFREDO

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

CAMPANA MEZZANA

 SAMSUNG CAMERA PICTURES

ANNO DI FUSIONE – 1926

FONDITORE – FONDERIA L. LERA DI LAMMARI

DIAMETRO – 54 cm.

ALTEZZA – 59 cm.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

ISCRIZIONI – IV OTTOBRE MCMXXVI ANNO IV DELL’ERA FASCISTA QUESTE CAMPANE FURONO FUSE PER VOLONTA’  E MERITO DEL POPOLO DI BARGA  A RICORDO DEL VII CENTENARIO FRANCESCANO – SIG. AMEDEO E DIAMANTE GIULIANI , SIG. RIGALI UMBERTO , SIG. EMILIO NARDINI , SIG. UMBERTO  ADELE ALEANDRO PIERACCINI , CAV. CORRIERI ENRICO , SIG. PIETRO NARDINI , SIG. TURICCHI ALFREDO , SIG. PIETRO DANESI , SIG. FRANCESCO PIERACCINI , SIG. ANDREA GABRELLI

 

CAMPANA GROSSA

 SAMSUNG CAMERA PICTURES

ANNO DI FUSIONE – 1926

FONDITORE – FONDERIA L. LERA DI LAMMARI

DIAMETRO – 60 cm.

ALTEZZA – 67 cm.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

ISCRIZIONI –  IV OTTOBRE MCMXXVI ANNO IV DELL’ERA FASCISTA QUESTE CAMPANE FURONO FUSE PER VOLONTA’  E MERITO DEL POPOLO DI BARGA E DI P. ANSELMO DEI M. CAPPUCCINI A RICORDO DEL VII CENTENARIO FRANCESCANO – CAV. MORANDO STEFANI I° PODESTA’ DI BARGA , SIG. ANTONIO DA PRATO , CAV. GIUSEPPE GONNELLA , SIG. PIETRO GIULIANI , SIG.RA MATELLA GIULIANI , SIG. FORTUNATO VERNOLINI , SIG. VITTORIO BROGI , SIG. ENRICO NARDINI , DOTT. MARIO CAPRONI , SIG. GIOVANNI MENCONI