Crea sito
 
Dec 09 2014

La cena a S. Elisabetta

LA CONCLUSIONE DELLA SERATA E’ STATA LA  CENA AL CONSERVATORIO DI SANTA ELISABETTA OSPITI DI MONS. STEFANO SERAFINI E DELL’ANSPI S. CRISTOFORO.

TRA I DONI FATTI ALLA PRESIDENTE ELES BELFONTALI, NON POTEVA MANCARE L’IMMAGINE DELLA MADONNA DEL MOLINO, COMPATRONA DI BARGA, LA CUI RICORRENZA CADE PROPRIO L’OTTO DICEMBRE.

a1

a4

a6

a20

Dec 09 2014

Doppio della Concezione 2014 (2)

Immagine 011

Immagine 012

Immagine 013

Immagine 014

Dec 09 2014

Domani 10 dicembre si celebra la Giornata dei diritti umani

Immagine 011

L’UNIONE CAMPANARI VALLE DEL SERCHIO ha dato la propria  adesione alla manifestazione promossa dal GRUPPO CAMPANARI DI ARRONE del 10 dicembre p.v.

SUONIAMO I CAMPANILI D’EUROPA

PER SOSTENERE I DIRITTI UMANI

L’iniziativa è condivisa anche dalla FEDERAZIONE NAZIONALE SUONATORI DI CAMPANE a cui siamo associati. Come ricordato dalla Presidente  Eles Belfontali  “Il 10 dicembre di ogni anno si celebra la “Giornata internazionale dei diritti umani”. In una società civile, il rispetto dei diritti umani è fondamentale e deve essere alla base di tutto. Non deve mai venir meno, soprattutto nei periodi di crisi. La persona umana, nel cuore delle istituzioni, delle leggi e interventi della società. Invito tutte le realtà campanarie, a manifestare la loro adesione ai principi contenuti della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, suonando con cuore e passione. La persona umana è sempre una bella sorpresa, anche nel suo essere imperfetta. Condividendo la delicata tematica del lavoro, con particolare riferimento alla situazione dei lavoratori dell’AST di Terni, proposta per questa 6° edizione, desideriamo generalizzarla anche a tutte quelle criticità occupazionali che l’attuale crisi economica ha fatto sorgere sul nostro territorio nazionale. Anche Papa Francesco ha detto: “il lavoro è una realtà essenziale per la società, per le famiglie e per i singoli” che “riguarda direttamente la persona, la sua vita, la sua libertà e la sua felicità. Il valore primario del lavoro è il bene della persona umana, perché la realizza come tale, con le sue attitudini e le sue capacità intellettive, creative e manuali”. Da qui “deriva che il lavoro non ha soltanto una finalità economica e di profitto,ma soprattutto una finalità che interessa l’uomo e la sua dignità. e se manca il lavoro questa dignità viene ferita!”  Ogni gruppo che compone il sodalizio UNIONE CAMPANARI VALLE DEL SERCHIO, cioè:

GRUPPO CAMPANARI BARGA

GRUPPO CAMPANARI CARDOSO

GRUPPO CAMPANARI CASCIO-PERPOLI

GRUPPO CAMPANARI CHIOZZA

per dare maggiore risalto a questo evento, eseguirà la suonata secondo le modalità  indicate, sul proprio campanile di riferimento.

Dec 09 2014

Articolo su Il Giornale di Barga

1

Giornata intensa e ricca di impegni quella del 7 dicembre,  per l’Unione Campanari Valle del Serchio ed, in particolare, per i Campanari di Barga.

Mons. Giovanni Paolo Benotto, Arcivescovo di Pisa, in un incontro all’interno della Visita Pastorale di recente memoria,  invitava le varie associazioni presenti sul territorio a non limitarsi alla sfera di loro competenza, al pensare “in piccolo”, ma a fare “sistema” dei  valori che ogni realtà associativa manifesta, al fine di promuovere il bene  “condiviso”.

Su queste basi è nata L’unione Campanari Valle del Serchio, formata dai Gruppi Campanari di Barga, Cardoso, Cascio-Perpoli e Chiozza e la successiva adesione alla Federazione Nazionale Suonatori di Campane.

Questo, in sintesi, quanto espresso dal Presidente Manuel Graziani, nell’incontro tenuto nella sala del consiglio comunale di Barga, presieduto dal Sindaco Marco Bonini, con l’importante presenza della Presidente della Federazione Nazionale Suonatori di Campane, Eles Belfontali.

Il Sindaco Bonini, ha ricordato la sinergia d’intenti siglata il giorno prima tra Amministrazione Comunale e Campanari, per promuovere e salvaguardare l’ultrasecolare tradizione Barghigiana  del Doppio dell’Immacolata, iniziata nel 1522.

La Presidente Belfontali, dopo una breve presentazione della Federazione Nazionale e delle sue finalità, ha ribadito la necessità di una Legge di  tutela, come già avviene per le campane storiche da parte delle Belle Arti, del suono manuale delle campane.

Una regolamentazione  dei molteplici sistemi di suono presenti sul territorio nazionale, ovviamente nel rispetto delle comunità in cui questi suoni vengono diffusi, ma che, allo stesso tempo, riconoscano al suono manuale  delle campane  quel valore storico-artistico che esso rappresenta.

Tra gli appuntamenti importanti del 2015, oltre al Raduno Nazionale previsto per maggio a Verona, ha sottolineato quello del 2 settembre, dove tutti i Gruppi Campanari aderenti, sotto le insegne della Federazione Nazionale, si recheranno a Roma per una visita al Santo Padre.

Inoltre ha comunicato a tutti gli intervenuti l’importante incarico conferito a Manuel Graziani e Cristian Tognarelli, per una raccolta di materiale, sia di tipo fotografico che cartaceo, di tutti i raduni nazionali.

Tutto questo,  al fine di formare una mostra itinerante e una pubblicazione che narri di una manifestazione che, dal livello regionale della prima metà del ‘900 ( nata dai primi incontri tra Campanari Bolognesi e Modenesi), in pochi anni, ha saputo coinvolgere le varie realtà nazionali.

Infine, è stata paventata l’ipotesi della scelta di Barga come sede del Raduno Nazionale dei suonatori di campane per il 2016.

Terminato  l’incontro, le protagoniste sono state le campane con il classico doppio in terzo di un ora.

Il via all’evento è stato il suono della campana delle 21 che, per l’occasione, è stata suonata dal Sindaco Bonini e dalla Presidente Belfontali.

Al termine del Doppio, la consueta cena conviviale organizzata dalla Propositura e dall’ANSPI S. Cristoforo  presso il Conservatorio di S. Elisabetta.

Mons. Stefano Serafini ha fatto gli onori di casa,  donando, tra le altre cose, alla Presidente Belfontali, l’immagine simbolo della giornata: la Madonna del Molino, Compatrona di Barga, espressione tangibile dell’Immacolata Concezione.